PROGETTI

Turoldo dice: “ Sbagliarsi su Dio è un dramma, è la cosa peggiore che possa capitarci, perché poi ci sbagliamo sul mondo, sulla storia, sull’uomo, su noi stessi. Sbagliamo la vita.” E il Dio di cui ci racconta Turoldo non è mai il Dio della guerra, il Dio della rappresaglia, del potere, ma solo il Dio della pace. Il vero santuario è la cella del cuore, dove si trova Dio, dove si incontra l’altro. Un reading teatrale-musicale che racconta la bellezza del cammino come fonte di ricchezza, dove l’incontro con l’altro genera nuova vita, dove l’amore è la risposta, narrato attraverso le parole e i versi poetici di Padre David Maria Turoldo. Un’ora in cui la musica composta appositamente per la performance, non accompagna solo la narrazione, ma diventa parte pregnante del tutto. 

scarica pdf progetto

Il “Concerto in Dialogo” ‘è una serata di confronto nell’arte dove musica e parola si incontrano: si affrontano tematiche quali l’amore, la vita e la fatica di ogni giorno. Ci si interrogherà su come si possa oggi essere coraggiosi, sul desiderio continuo dell’uomo di trovare delle risposte a domande più grandi di noi che continuamente si presentano. Si proverà a rispondere a tutto ciò cantando e parlando, in un inedito “Concerto in Dialogo” tra il cantautore Davide Peron e un portavoce della Chiesa. Davide canterà le sue emozioni, le sue paure, la sua felicità e le sue domande, mentre il Religioso risponderà con la parola, sottolineando l’importanza, più che di una verità certa ed indiscutibile, della ricerca di quella verità che, per i credenti, Cristo ha testimoniato.

scarica pdf progetto

“La Prima Guerra Mondiale ha portato un cambiamento radicale del volto di un’intera generazione e di una intera società. 
I ragazzi del ‘99 hanno rappresentato nell’immaginario dell’Italia del dopo guerra e per un cinquantennio almeno, il fiore della gioventù che per la Patria ha combattuto, si è sacrificato, immolato e ha vinto. Non che prima non ci fossero stati altri ragazzi in guerra ma dovendo eleggere dei campioni, gli ultimi diciassettenni andati al fronte son stati la scelta naturale: i rappresentanti di un paese giovane che costruiva la propria identità, finora incerta, sulle gesta eroiche di ragazzi che dal Piave son riusciti a ribaltare un conflitto che sembrava disperato. Degli eroi. E mentre gli uomini erano al fronte, le donne lavoravano nelle fabbriche, cercavano di sostenere la famiglia e in alcune aree del nostro paese hanno avuto un ruolo determinante anche per l’approvvigionamento delle prime linee. Allo scoppio del primo conflitto mondiale, in Carnia più di 2.000 donne tra i 12 e i 60 anni accettarono volontariamente di fare le portatrici per rifornire le prime linee italiane caricandosi in spalla fino a 30-40 chili di rifornimento (munizioni, cibo, medicinali, attrezzi, di tutto) li trasportavano fino al fronte.
A rischio della vita.
Due spettacoli che raccontano due storie diverse: quella del soldato, il ragazzo del ‘99, e quella della portatrice che riforniva le prime linee, le trincee in cui i soldati hanno combattuto.
Due voci che da un punto di vista differente ma contemporaneo raccontano la vicenda della guerra con uno sguardo vero, profondo e umano, osando sussurrare sogni che possano sconfiggere la paura per dare spazio alla speranza di una vita migliore, senza guerra.”

scarica pdf progetto

“1910, Francia, Alpi provenzali. Un giovane esploratore solitario si avventura in una zona deserta, senza alberi e senza alcun segno di civilizzazione eccetto dei ruderi di pochi villaggi diroccati. In questa desolazione il ragazzo incontra un pastore silenzioso che lo ospita nella sua modesta e dignitosa casa. Il giorno dopo l’esploratore scopre che da molti anni quell’uomo solitario pianta in tutta quella zona arida con instancabile meticolosità cento ghiande ogni giorno, dalle quali, confida al ragazzo, spera di veder crescere diecimila querce…”.
Questa è la storia che Davide Dolores e Davide Peron raccontano, una vicenda semplice ma straordinaria nella sua limpidezza, che insegna il rispetto per la natura e quindi per la vita nella sua totalità, compresa la vita di noi esseri umani.

scarica pdf progetto

Cibo e vino rappresentano da sempre il piacere e il sostentamento della vita.  La musica la racconta. Davide Peron, è il cantautore vicentino che parla del nostro territorio, delle nostre montagne, della semplicità delle cose e dei ritmi lenti della vita che danno il tempo di assaporare e ascoltare ciò che c’è attorno a noi. In questo concerto molto particolare assieme a Davide c’è lo storico Umberto Simonato che racconta aneddoti e vecchie storie riguardo il vino e l’umanità che in qualche modo ha a che fare con questo prodotto. Con questo modo genuino di cantare e raccontare questi aspetti legati al vino, al cibo e alle storie degli uomini che li producono e li consumano, questo dialogo tra Davide e Umberto rappresenta simbolicamente l’anello di congiunzione del tema. 

scarica pdf progetto